alla scoperta della fotografia
cerca nel sito
Accedi al sito
User
Password

Tutti Fotografi | Progresso Fotografico | Riviste Store | Zoom | Zoom 80 90 | Classic Camera | PC Photo | Abbonamenti
Prodotti | Servizi
Reflex | Compatte | Obiettivi
Centro Studi | Test Reflex | Test Obiettivi
Compito a Casa | Concorsi di Fotografia.it | Mi Piace Perché...
Il blog di Fotografia.it | A colloquio con la redazione
Concorsi | Mostre | Workshop
Registro Antifurto
Fotolibreria | Carrello | Abbonamenti
Skip Navigation Links
Dettaglio News
Data Pubblicazione: 13/04/2018

World Press Photo 2018: il fotografo dell’anno è Ronaldo Schemidt
 

Come ogni anno in questo periodo Amsterdam si trasforma nella patria del fotogiornalismo, una città in grado di catalizzare storie provenienti da ogni parte del mondo. Il dito come sempre è puntato sul cambiamento della nostra società, un cambiamento repentino che molto spesso non è sotto i nostri occhi se non attraverso le poche informazioni che provengono dai media, che molto spesso cavalcano la notizia ma non vanno a fondo nell’analisi. Tra l’altro, in un periodo come questo, dove la ricerca delle giuste fonti è sempre più difficile in un mare di fake news, il fotogiornalismo rimane la nostra ancora di salvezza, forse l’ultima rimasta. “La fotografia di reportage è la madre della fotografia”.

Proprio per questo la Foundation ha voluto premiare il fotografo Ronaldo Schemidt con il suo scatto “Venezuela Crisis”, immagine che cattura il giovane José Víctor Salazar Balza, ragazzo di ventisette anni avvolto dalle fiamme dopo l’esplosione di un serbatoio di gas per motociclette a causa dei violenti scontri contro la polizia avvenuti durante le proteste contro il presidente Nicolás Maduro, a Caracas, in Venezuela nel maggio 2017. Come poi ha giustamente affermato Whitney C. Johnson, membro della giuria e direttore della fotografia del National Geographic, l’immagine è simbolica: “L’uomo, che ha una maschera sul viso, non rappresenta solo se stesso ma l’idea che sia un intero Paese, tutto il Venezuela, a bruciare.”

“Stavo fotografando gli scontri, quando mi sono girato e alle mie spalle è passato questo ragazzo, José, completamente avvolto dalle fiamme..è stato un attimo. Voglio dedicare questo premio non solo a lui, che spero si rimetta presto (José Víctor Salazar Balza ha riportato ustioni di primo e secondo grado su buona parte del corpo), ma anche a tutti i fotografi venezualani, che rischiano ogni giorno la propria vita per documentare una situazione molto difficile nel Paese.”
La giuria ha quindi premiato Ronaldo Schemidt come fotografo dell’anno, il suo scatto è stato scelto tra i sei che sono arrivati alla selezione finale.

Tutti i dettagli  della cerimonia di premiazione sul nostro blog

Immagine non disponibile
Venezuela Crisis, Ronaldo Schemidt
commenti (0)

Notizie Correlate:
17/04/2018 Grazie – Ai fotoreporter premiati al World Press Photo 2018
31/01/2017 Il World Press Photo cambia la giuria a causa dell'Immigration Ban
21/12/2015 Al via il World Press Photo Contest 2016
12/02/2015 Mads Nissen vince il World Press Photo 2015
23/04/2013 Worldwide Pinhole Photography Day WPPD
15/02/2013 WPP 2013: Paul Hansen vince il World Press Photo
23/02/2012 Il reporter Remi Ochlik è stato ucciso ieri in Siria: aveva vinto il WPP General News
10/02/2012 Il fotografo Samuel Aranda vince il World Press Photo
Bookmark and Share

© 2015 Rodolfo Namias Editore Srl. Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati.
Rodolfo Namias Editore Srl si trova in Via della Guardia, cap 29012 a Caorso PC (Italy)
p.iva:01656840335 - tel:(+39)02.7000.2222 / fax:(+39)02.71.30.30 - info(chiocciola)fotografia(punto)it / abbonamenti(chiocciola)fotografia(punto)it
alla scoperta della fotografia
cerca nel sito
Accedi al sito
User
Password