X
Entra
Accedi
Ho dimenticato la password
X
Se il tuo indirizzo è presente nel nostro database riceverai una mail con le istruzioni per recuperare la tua password

Chiudi
Reset password
Inserisci il tuo indirizzo email nella casella sottostante e ti invieremo la procedura per resettare la password
Invia
X
Grazie per esserti registrato!

Accedi ora
Registrati
Registrati
Ho dimenticato la password
Fotografia.it

Come sviluppare 6 rulli formato 120: guarda il video

Il negativo va avvolto sulle spirati e inserito nella tank per poi procedere allo sviluppo, al fissaggio, al lavaggio e all’asciugatura.

Eugenio Tursi | 11 Marzo 2022

Sul nuovo Classic Camera B&W 114 pubblichiamo un ampio articolo su come costruirsi una fotocamera a foro stenopeico; ma una volta esposto il negativo occorre svilupparlo.

fotopuntoit_Apertura-sviluppo
Asciugatura dei negativi

Trattare il formato 120 è un poco più difficile: ne ho sviluppati ben 3 insieme.

La pellicola FomaPan 400 ISO è un materiale in partenza morbido e poco contrastato, rende più difficile sbagliare. Anche il Rodinal a 20°C 1 + 50 è uno sviluppo tutto sommato morbido.

Nella tank fuori misura che ho utilizzato per lo sviluppo trovano certamente posto quattro rulli 120, ma forse anche cinque! C’è però da considerare che tre rulli hanno richiesto ben 2 litri di ciascun bagno. E considerate che il Rodinal è un monouso! Anche la changing-bag si è rivelata strettina!

inserimento della pellicola nella tank
Inserimento della pellicola nella tank

Come sviluppo ho usato il Rodinal, molto standard. La Fomapan 400 è in realtà una 200 ISO; personalmente ho scattato a 50 ISO. Per le vostre sperimentazioni fate le dovute proporzioni per 20°C e diluizione 1+50. Io amo esagerare, ma è questione personale. Il carattere sperimentale del mio progetto Holga pinhole mi ha portato a non prestare particolare attenzione alla “pulizia” dei negativi (mai avrei pensato di utilizzarli davvero).

la fase dello sviluppo
La fase dello sviluppo

Non fidatevi mai delle apparenze: in scansione la polvere è un incubo! Curate quindi la pulizia e conservate bene i vostri negativi a partire dall’asciugatura in ambiente pulito alla conservazione negli appositi plasticoni non acidi.

Eugenio Tursi
Nato a Firenze nel 1974, ho fatto tutto al contrario. Dia prima, camera oscura dopo. Prima dell'Hasselblad avevo già la digitale. Ho imparato da Alpino, frequentando ed insegnando poi in scuole di fotografia milanesi. Scrivo dal 1999, mi laureo in Informatica e ricollego il tutto alla fotografia digitale. Faccio anche il fotografo freelance oltre a coordinare Progresso Fotografico che conobbi nel 1995. Mi hanno insegnato 'qualcosa’ Leonardo Brogioni, Roberto Signorini, Gerardo Bonomo.
  • Cerca

  •