X
Entra
Accedi
Fotografia.it

Fotografia Europea: due grandi mostre a Reggio Emilia

Redazione fotografia.it | 30 Settembre 2020

Fotografia Europea è stata sospesa a causa della pandemia mondiale, ma è stato creato un ricco programma di mostre ed appuntamenti che acccompagneranno il pubblico fino all’edizione del 2021: le prime due mostre che inaugurano l’autunno fotografico sono “True Fictions – Fotografia visionaria dagli anni ’70 ad oggi” e “Atlanti, Ritratti e altre Storie” in programma fino al 10 gennaio 2021.

Reggio Emilia entra nell’autunno fotografico di Fotografia Europea con due mostre d’eccezione dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021, inserite nel più ampio progetto “Reggio per Emilia 2020 – 2021 La cultura non starà al suo posto”. Non solo mostre, anche una serie di attività collaterali – lezioni, conferenze, talk, workshop – realizzate in collaborazione con importanti istituzioni, oltre ad attività formative e didattiche per scuole di ogni ordine e grado e corsi di aggiornamento per insegnanti.

“True Fictions – Fotografia visionaria dagli anni ’70 ad oggi” a cura di Walter Guadagnini e presentata a Palazzo Magnani dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021, è la prima mostra in Italia dedicata al fenomeno della staged photography, tendenza che, a partire dagli anni Ottanta, ha rivoluzionato il linguaggio fotografico e la collocazione della fotografia nell’ambito delle arti contemporanee. Le invenzioni di alcuni tra i maggiori autori degli ultimi trent’anni e le sperimentazioni nate dall’avvento della tecnologia digitale, partendo da grandi maestri come Jeff Wall, Cindy Sherman, James Casebere, Sandy Skoglund, Yasumasa Morimura, Laurie Simmons passando per artisti come Erwin Olaf, David Lachapelle, Nic Nicosia, Emily Allchurch, Joan Fontcuberta, Julia Fullerton Batten, Paolo Ventura, Lori Nix, Miwa Yanagi, Alison Jackson, Jung Yeondoo, Jiang Pengyi, fino ad arrivare ad autori raramente esposti in Italia come Bernard Faucon, Eileen Cowin, Bruce Charlesworth e David Levinthal. “La staged photography ha cambiato radicalmente il nostro approccio alla fotografia: da mezzo destinato principalmente a documentare la realtà, è diventato il mezzo privilegiato per inventare realtà parallele, menzogne credibili, mondi fantastici” ha detto Walter Guadagnini.

Sandy Skoglund, Fox Games, 1989, archival color photograph, cm 117 x 150 ca. – Courtesy: Paci contemporary gallery (Brescia – Porto Cervo, IT)

“Atlanti, Ritratti e altre Storie – 6 giovani fotografi europei”, a Palazzo da Mosto dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021 è una collettiva che raccoglie le personali dei tre vincitori dell’open call lanciata da Fotografia Europea 2020 a cui sono stati aggiunti tre progetti selezionati dalla giuria: Alessandra Baldoni con Atlas, Alexia Fiasco con The Denial, Francesco Merlini con Valparaiso, Manon Lanjouère con Laboratory of Universe, Giaime Meloni con Das Unheimliche e Denisse Ariana Pérez con Albinism, Albinism II.

Alessandra Baldoni, Atlas Cartografie del silenzio (5), 2019, © Alessandra Baldoni – Courtesy: Fondazione Dino Zoli, Forlì

True Fictions
Palazzo Magnani
Reggio Emilia
dal 17/10/2020 al 10/01/2021

Atlanti, Ritratti e altre Storie
Palazzo da Mosto
Reggio Emilia
dal 17/10/2020 al 10/01/2021

Redazione fotografia.it