X
Entra
Accedi
Ho dimenticato la password
X
Se il tuo indirizzo è presente nel nostro database riceverai una mail con le istruzioni per recuperare la tua password

Chiudi
Reset password
Inserisci il tuo indirizzo email nella casella sottostante e ti invieremo la procedura per resettare la password
Invia
X
Grazie per esserti registrato!

Accedi ora
Registrati
Registrati
Ho dimenticato la password
Fotografia.it

OM System OM-1: un deciso cambio di passo

Redazione fotografia.it | 15 Febbraio 2022

OM System presenta oggi al CP+ di Yokohama la prima fotocamera di una nuova era: OM-1. È un deciso cambio di passo rispetto al passato, quello stesso passato che porta ancora nel nome e sulla calotta.

OM System omaggia il passato e salta nel futuro. Un futuro che, se fino a ieri sembrava incerto, oggi potrebbe essere molto radioso. La nuova OM-1 rende omaggio nel nome all’iconica fotocamera a pellicola di esattamente 50 anni fa e ne porta il marchio persino sulla calotta, dipinto sulla lega di magnesio. Ma rispetto alle scorse OM, questo modello è del tutto rivisto esternamente ed internamente; un nuovo sensore, un nuovo processore, nuove funzionalità AF e una resistenza alle intemperie marchiata IP53.

fotopuntoit_om-system_om-1_ambient
OM System OM-1

Partiamo dal cuore della fotocamera. Il sensore è un nuovo BSI CMOS Stacked Micro Quattro Terzi da 20 Mpxl (23 Mpxl effettivi). Questo aumenta la sensibilità espansa fino a 102400 ISO offrendo al contempo una maggior gamma dinamica grazie alla sua struttura Quad Pixel impilata. A muovere tutto è il nuovo processore TruePic X Dual Quad Core, con una velocità di elaborazione fino a 3 volte superiore rispetto ai suoi predecessori; è in grado di spingere la raffica dai 10 fps con otturatore meccanico ai 50 fps con otturatore elettronico e AF continuo e ai 120 fps con AF singolo. Il sistema di messa a fuoco è il Cross Quad Pixel AF da 1053 punti che copre con rilevamento di fase incrociato il 100% della superficie sensibile; è anche in grado, grazie ad algoritmi AI, di riconoscere auto, moto, aeroplani, elicotteri, treni, umani e animali (cani, gatti e uccelli).

Migliore anche il mirino Live, un pannello Oled da 5.76 milioni di punti con refrash rate a 120 fps, quindi totalmente blackoutfree, e un rapporto di ingrandimento di 1.65x; il sistema di stabilizzazione interno a 5 assi compensa 7 stop e fino a 8 stop di concerto con le ottiche OIS. Anche il comparto video ha fatto un notevole balzo in avanti. OM-1 è in grado di registrare internamente in qualità 4K/60p e FHD/240p in H.264 8 bit o H.265 10 bit HLG; quando collegata ad un dispositivo esterno, anche in Raw 12 bit. Per questo lo slot per SD è raddoppiato e accetta schede UHS-II.

Esternamente le forme ricordano il passato ma la reistenza agli agenti atmosferici ha ora la classificazione IP53; standard la possibilità di lavorare fino a -10°, valore aggiunto quella di poter scattare o riprendere anche sotto un’acquazzone. O immersa nella sabbia, come in questo video test qui sotto:

OM System OM-1 sarà disponibile a partire da marzo ad un prezzo di € 2240.

Redazione fotografia.it
  • Cerca

  •