X
Entra
Accedi
Fotografia.it

Olympus chiude e lascia la Sud Corea

Redazione fotografia.it | 21 Maggio 2020

Come un fulmine a ciel sereno arriva la notizia: Olympus Imaging chiude tutte le sue attività in Sud Corea relative al settore fotografico e decide di concentrarsi unicamente sulle apparecchiature ottiche del segmento medicale.

Come riporta The Korea Times, Olympus ha dichiarato che “cesserà la sua attività di imaging in Corea a partire dal 30 giugno 2020”. Nello stesso giorno verranno chiusi sia il negozio fisico nel sud di Seoul sia il relativo online store ma l’azienda ha anche precisato che il servizio di assistenza clienti continuerà a funzionare fino al 31 marzo 2026. “Olympus Korea ha compiuto notevoli sforzi per aumentare la redditività e l’efficienza della propria attività di imaging concentrandosi su fotocamere mirrorless, tra cui OM-Dand PEN e obiettivi intercambiabili. Tuttavia, negli ultimi anni il mercato è fortemente diminuito. risultato, è diventato a malapena possibile sostenere l’azienda con profitto, portando alla decisione di ritirare dal mercato le attività di imaging “, ha affermato Olympus Korea.

Da anni si vocifera di una chiusura di Olympus, ma le voce erano state sempre prontamente smentite dall’azienda. Già nel 2018 era chiaro che i volumi di vendita continuavano inesorabilmente a registrare dei forti cali, facendo perdere circa il 13% del fatturato a causa del veloce avanzamento delle mirrorless Full Frame: dal canto suo Olympus ha perseverato nel suo sistema Micro Quattro Terzi, forte di una forse ristretta ma molto presente schiera di fedelissimi. Da tanto si vocifera di una chiusura, la prima avvisaglia è datata marzo 2019 ma successivamente la situazione non è migliorata. A novembre 2019 i rumors si sono fatti molto più insistenti quando il CEO Olympus Yasuo Takeuchi ha “aperto le porte” a possibili tagli del personale e ad una possibile dismissione della sezione durante un’intervista a Bloomberg, d’altronde la sezione Imaging frutta ad Olympus solamente il 6% del fatturato complessivo (il medicale è invece il 70%); non appena uscita questa notizia, l’azienda ha però prontamente smentito con una nota ufficiale “Nonostante sia infatti la divisione meno profittevole dell’azienda Giapponese rimane un importante motore tecnologico e di innovazione per tutte le altre branche”.

Nonostante tutto, Olympus Imaging perde il primo pezzo ovvero la Sud Corea. Certo il difficile periodo odierno non sta aiutando nessuno e non sta risparmiando le aziende, ma è difficile credere che questo sia l’unico motivo di questa chiusura. Stiamo cercando di contattare l’importatore Olympus in Italia sperando ci dia notizie aggiuntive.

Redazione fotografia.it
  • Ultime News