Fotografia.it

Samsung Galaxy S20: sensore da 108 Mpxl, zoom 100x e video 8K

Redazione fotografia.it | 12 Febbraio 2020

Ieri sera è stata presentata la nuova famiglia Galaxy S20: S20, S20 Plus e S20 Ultra. Il titolo è un po’ ingannevole in quanto i tre device con tripla fotocamera differiscono sì in dimensioni e specifiche, ma solo S20 Ultra è dotato di sensore da 108 Mpxl: gli altri due si fermano al classico 12 Mpxl.

Ma partiamo da principio, ovvero dal “vero” top di gamma della famiglia. Samsung Galaxy S20 Ultra è dotato di tripla fotocamera (anche se i sensori sono in realtà quattro, uno è dedicato all’analisi della profondità di campo): enorme sensore principale da 1/33″ e 108 Mpxl con apertura f/1.8 (equivalente ad un 27mm) con AF a rilevamento di fase e stabilizzato OIS. Di default questo fornisce un file da 12 Mpxl utilizzando il pixel binning ma, a differenza del filtro Quad Bayer, su Galaxy i pixel vengono raggruppati a gruppi di 9 per crearne uno enorme e fornire ancor più sensibilità: la modalità per utilizzare i pixel singolarmente ed ottenere un file da 108 Mpxl c’è ma bisogna attivarla dal menù impostazioni. Il secondo sensore è da 12 Mpxl con obiettivo con apertura f/2.2 e angolo di campo di 120°, non stabilizzato. Il terzo è da 48 Mpxl con apertura f/3.5 (equivalente ad un 35mm), anche lui con AF a rilevamento di fase e stabilizzato OIS ma demandato allo zoom: fino a 4x utilizza il crop del sensore, in modalità ibrida raggiunge 10x senza perdere troppa qualità ma è in grado, attraverso l’interpolazione del segnale, di creare quello che Samsung chiama “space zoom 100%” ovvero uno zoom digitale 100x. Infine la fotocamera anteriore è da 40 Mpxl e la registrazione video è in qualità 8K.

Anche Samsung Galaxy S20 Plus, o S20+, e Galaxy S20 sono dotati di tripla fotocamera (anche qui, quadrupla su S20 Plus se contiamo il sensore di profondità): sensore principale da 12 Mpxl con apertura f/1.8, Dual Pixel AF e stabilizzazione OIS, sensore secondario da 12 Mpxl con apertura f/2.2 e angolo di campo di 120° e sensore “tele” da 64 Mpxl con apertura f/2, AF a rilevamento di fase e stabilizzazione OIS in grado di fornire uno zoom 3x in crop e fino a 30x utilizzando l’interpolazione. Su entrambi la fotocamera anteriore è da 10 Mpxl e la registrazione video è in qualità 8K.

Ciò che accomuna i tre modelli è il design: vetro anteriore e posteriore, bordo in lega di alluminio, comparto fotocamera rettangolare con un leggero scalino. I display sono tutti OLED 3200 x 1440 pixel con frequenza di aggiornamento variabile fino a 120 Hz, ma variano in dimensione e densità: 6.2″ Galaxy S20, 6.7″ Galaxy S20 Plus e e 6.9″ Galaxy S20 Ultra. Sono tutti resistenti all’acqua dolce con certificazione IP68, includono la ricarica wireless e dispongono di un lettore di impronte digitali ad ultrasuoni sotto lo schermo. Saranno disponibili in varie versioni: S20 Ultra 5G/LTE con 16 GB di Ram e memoria da 512 GB non espandibile o con 12 GB di Ram e 128/256 GB di memoria espandibile; S20 Plus in versione 5G con 16 GB di Ram e memoria da 128/256/512 GB non espandibile o in versione LTE con 8 GB di Ram e memoria da 128 GB espandibile; S20 in versione 5G con 12 GB di Ram e memoria da 128 GB e in versione LTE con 8 GB di Ram e memoria da 128 GB espandibile.

Infine, i prezzi. Samsung Galaxy S20 4G LTE avrà un prezzo di € 929, nella versione 5G di € 1029; Samsung Galaxy S20 Plus 4G LTE un prezzo di € 1029, nella versione 5G con 128 GB di memoria interna di € 1129 e nella versione 5G con 512 GB di memoria intera di € 1279; Samsung Galaxy S20 Ultra 5G un prezzo di € 1379, nella versione con 16 GB di RAM e 512 GB di memoria interna un prezzo di € 1579.

Redazione fotografia.it
  • Ultime News