X
Entra
Accedi
Ho dimenticato la password
X
Se il tuo indirizzo è presente nel nostro database riceverai una mail con le istruzioni per recuperare la tua password

Chiudi
Reset password
Inserisci il tuo indirizzo email nella casella sottostante e ti invieremo la procedura per resettare la password
Invia
X
Grazie per esserti registrato!

Accedi ora
Registrati
Registrati
Ho dimenticato la password
Fotografia.it

Tutto Per Una Ragione, dieci riflessioni sulla fotografia

Enzo Dal Verme | 18 Giugno 2018

Questa non è proprio una recensione, perché il libro non l’ho ancora letto del tutto. Ho solo incominciato.

tutto-per-una-ragione
Copertina del libro Tutto per una ragione

Qualche giorno fa un amico mi ha invitato alla presentazione e sono andato senza sapere bene di cosa si trattasse, sapevo solo che si presentava un “libro che parla di fotografia”. L’autrice è Loredana De Pace, vulcanica curatrice di mostre, progetti editoriali e di tante altre cose. Una grande appassionata di fotografia, entusiasta del suo lavoro, che non si risparmia certo. Secondo me è anche un po’ pignola – nel senso migliore del termine – perché si percepisce il grande lavoro di ricerca che è stato fatto e quando ne parla non ha l’aria di una che si accontenta facilmente. Insomma una pignola che a me è stata subito simpatica: quando descrive com’è nato il suo libro le si illuminano gli occhi e dice un sacco di cose interessanti.
Tutto Per Una Ragione (edizioni emuse, €22,00) è un libro diviso in dieci capitoli, ognuno esplora un tema legato alla fotografia e lo analizza sotto diversi punti di vista.

La Fotografia Che Cura è il capitolo dedicato ad arte-terapia e fotografia terapeutica. Nelle pagine di Fotografia E Bellezza l’autrice si interroga sulla possibilità che la bellezza sia un concetto soggettivo o meno. Di fotografia e social media si parla in La Fotografia Condivisa…. Insomma un bel malloppo di considerazioni sulla fotografia alla quale hanno preso parte anche sociologi, psicologi, filosofi e addetti ai lavori interrogati dall’autrice.
Io non so ancora se condividerò le conclusioni del libro (ma sembra che tante domande rimangano aperte), di sicuro è un libro che mi fa piacere leggere perché mi obbliga a riflettere su un mare di argomenti. Qualcuno di voi lo sta leggendo?

Enzo Dal Verme
Enzo Dal Verme è un fotografo conosciuto per avere ritratto celebrità come Donatella Versace, Laetitia Casta, Marina Abramovic, Bianca Jagger, Wim Wenders. Le sue immagini sono state pubblicate da Vanity Fair, l'Uomo Vogue, The Times, Marie Claire, GQ e tante altre riviste. I reportage scattati da lui sono spesso legati ad iniziative sociali, come la serie di ritratti di Eroi Urbani realizzati in Asia, Europa, America, Africa e Medio Oriente. Prima di dedicarsi a tempo pieno alla fotografia ha diretto la sua agenzia di comunicazione. Ha poi insegnato comunicazione all’Istituto Marangoni di Milano e Londra, allo IED di Milano, all’Ateneo Impresa di Roma e al Sole 24 Business School di Milano. Dal 2011 insegna i suoi fortunati workshop di ritratto nel corso dei quali gli studenti allenano la propria sensibilità ed esplorano il rapporto tra fotografo e soggetto. Collabora con la società olandese Science Of The Times per le ricerche sulle evoluzioni delle mentalità finalizzate all’innovazione nella comunicazione. Alla sua attività di fotografo commerciale, affianca una programmazione di mostre con i suoi lavori più personali. Enzo ha esposto in diverse gallerie in Italia e all’estero e in alcuni festival tra cui Alrles. Ha pubblicato negli Stati Uniti il libro Storytelling For Photojournalists e in Italia Marketing Per Fotografi. Pubblica regolarmente su Tutti Fotografi degli articoli di approfondimento sulla professione del fotografo. Ama il tofu ?
  • Cerca

  •