X
Entra
Accedi
Ho dimenticato la password
X
Se il tuo indirizzo è presente nel nostro database riceverai una mail con le istruzioni per recuperare la tua password

Chiudi
Reset password
Inserisci il tuo indirizzo email nella casella sottostante e ti invieremo la procedura per resettare la password
Invia
X
Grazie per esserti registrato!

Accedi ora
Registrati
Registrati
Ho dimenticato la password
Fotografia.it

La migliore luce artificiale? Quella che non si percepisce

Quella che a prima vista può apparire la luce di una finestra, con le tende che fanno da sfondo alla ragazza, invero è frutto di un flash da studio dotato di un piccolo ombrello appena fuori dall’inquadratura, a destra

Eugenio Tursi | 6 Maggio 2022
Guida all'immagine >> Dati di scatto: 1/250s a f/2.8, ISO 100. Focale 50mm su Full Frame Foto Anastasia Pavlenko Questa delicata immagine di ritratto è costruita ricorrendo alla sola luce artificiale. Infatti quella che a prima vista può apparire la luce di una finestra, con le tende che fanno da sfondo alla ragazza, invero è frutto di un flash da studio dotato di un piccolo ombrello appena fuori dall’inquadratura, a destra. Lo si capisce dalla durezza, dalla direzione e dall’angolazione della luce che illumina la ragazza. Sono due gli elementi interessanti che caratterizzano questo scatto ed entrambi riguardano la costruzione…
f.it premium
Questo è un articolo PREMIUM
Hai un abbonamento attivo? Effettua il login
Eugenio Tursi
Nato a Firenze nel 1974, ho fatto tutto al contrario. Dia prima, camera oscura dopo. Prima dell'Hasselblad avevo già la digitale. Ho imparato da Alpino, frequentando ed insegnando poi in scuole di fotografia milanesi. Scrivo dal 1999, mi laureo in Informatica e ricollego il tutto alla fotografia digitale. Faccio anche il fotografo freelance oltre a coordinare Progresso Fotografico che conobbi nel 1995. Mi hanno insegnato 'qualcosa’ Leonardo Brogioni, Roberto Signorini, Gerardo Bonomo.
  • Cerca

  •  

  • Ultime News