X
Entra
Accedi
Ricordami la password
Fotografia.it

VSCO apre all’Intelligenza Artificiale e acquista l’app di editing video Trash

Redazione fotografia.it | 7 Dicembre 2020

VSCO, popolare app di editing foto e recentemente anche video, ha annunciato oggi di aver acquisito Trash – app di editing video basata su AI: la tecnologia di Trash verrà quindi integrata nell’app VSCO nei prossimi mesi e permetterà a tutti coloro che hanno un piano in abbonamento di modificare video con l’aiuto dell’intelligenza artificiale.

vsco-trash
Trash X VSCO

Ad ora Trash è un’app stand alone (iOS) che utilizza l’intelligenza artificiale per selezionare i frame più interessanti di un video e montarli assieme per avere un risultato migliore: gli utenti potranno poi scegliere di modificare ulteriormente il filmato cambiando l’ordine delle clip, applicado filtri particolari, regolandone la velocità e cambiando la musica di sottofondo – d’altronde Trash è nata proprio per permettere di creare clip musicali adatti ad una varietà di contenuti. Con l’inserimento della funzione Styles, Trash ha però aperto ad altri generi come la narrazione classica o video più “artistici”. E probabilmente è proprio questo il motivo che ha fatto sì che VSCO aprisse ad un’acquisizione. Nata come realtà basata quasi interamente sull’editing fotografico (il primo prodotto sono stati filtri per Photoshop, ora è diventata quasi unicamente mobile) VSCO ha abbracciato da poco più di un anno anche l’edinting video, essendo il suo pubblico più fedele molto sesnibile all’argomento: oltre 100 milioni di utenti nel mondo, di cui almeno due con abbonamento annuale, una percentuale del 75% sotto i 25 anni. La classica Generazione Z, quella che ad ora fabbrica e pubblica il maggior numero di contenuti visibili oggi su web e su app come Instagram e Tik Tok – non a caso preso come riferimento di business e primo concorrente.

vsco
Le opzioni di sottoscrizione a VSCO

La “nuova versione” di VSCO sarà quindi integrata con le potenzialità di Trash (app nata nel 2019 che verrà spenta molto presto) ma, ovviamente, solo per gli abbonati e non in versione gratuita.

Redazione fotografia.it
  • Cerca

  • Ultime News